Sviluppo

Trend UX design 2024

Buongiorno colleghi del design!

Oggi ci immergiamo nel mondo della UX Design, esplorando con entusiasmo i trend che nel futuro prossimo andranno a plasmare le nostre esperienze digitali. Come designer UI/UX, sono consapevole dell’importanza di rimanere al passo con le ultime tendenze per offrire ai nostri clienti esperienze coinvolgenti e significative. Perciò, preparatevi a esplorare in dettaglio il dark mode, le interfacce vocali, il design emotivo e il minimalismo!

Dark mode: il nemico della luce

Il dark mode è diventato un vero e proprio fenomeno di tendenza. Ma cosa significa questo per noi designer? Beh, dobbiamo essere pronti ad implementare un pulsante che ci permetta di passare alla modalità scura nelle nostre creazioni digitali, che si tratti di app, siti web, crm, etc. 

Ma non è tutto qui: dobbiamo anche assicurarci che i colori utilizzati siano ottimizzati per entrambe le modalità, garantendo una leggibilità perfetta sia di giorno che di notte. Ciò permetterà allo stesso tempo di ridurre l’affaticamento visivo, aumentando il risparmio energetico. Niente male! 

Le implicazioni per noi designer sono piuttosto chiare: dobbiamo prestare particolare attenzione alla gestione dei colori e al livello di contrasto, nonché effettuare test approfonditi per garantire che l’esperienza visiva sia impeccabile in entrambe le modalità.

Scopri come Coriweb può aiutarti a implementare il dark mode nei tuoi progetti. Contattaci.

Voice user interface: parla con me, amico mio

Le interfacce vocali stanno guadagnando sempre più terreno nel mondo del design. Attraverso la Voice User Interface (VUI) è possibile chiedere al proprio smartphone di inviare un messaggio, avviare una chiamata, impostare un promemoria, controllare il meteo, riprodurre musica, ottenere indicazioni stradali e molto altro, semplicemente parlando con il dispositivo e utilizzando comandi vocali.  

Applicazioni pratiche

Ma come possiamo integrare in modo efficace nelle nostre creazioni? Dobbiamo pensare in grande e immaginare un futuro in cui i comandi vocali saranno all’ordine del giorno. Già penso che per molti di voi sia così! Ciò significa che dobbiamo lavorare sodo per integrare comandi vocali nelle nostre app e nei nostri dispositivi IoT, rendendo l’interazione più naturale e fluida possibile. 

Ma c’è di più: dobbiamo anche assicurarci che le nostre interfacce vocali siano intuitive e reattive, così da far sentire gli utenti a loro agio nel comunicare con i nostri prodotti digitali. 

Implicazioni per i designer

Le implicazioni per noi designer sono significative: dobbiamo tenere in considerazione la natura conversazionale dell’interazione vocale e condurre test approfonditi per garantire una comprensione accurata dei comandi vocali da parte degli utenti.

Emotional design: il cuore pulsante dell’esperienza utente

Il design emotivo è ciò che trasforma una buona esperienza digitale in qualcosa di indimenticabile. Piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulla funzionalità o sull’aspetto estetico, il design emotivo cerca di creare connessioni emotive tra l’utente e il prodotto, generando così una risposta emotiva positiva. Un’applicazione di fitness ad esempio potrebbe utilizzare colori vivaci e messaggi motivazionali per motivare gli utenti durante l’allenamento e farli sentire più forti e felici durante l’attività. Allo stesso modo, un sito web di beneficenza potrebbe utilizzare immagini toccanti e storie coinvolgenti per suscitare empatia e ispirare gli utenti a fare donazioni o ad agire per una causa. 

Applicazioni pratiche

Ma come possiamo incorporare il design emotivo nel nostro lavoro? Dobbiamo iniziare pensando alle emozioni che vogliamo suscitare nei nostri utenti e quindi utilizzare colori, forme e animazioni che evocano tali emozioni. Ma non è tutto qui: dobbiamo anche personalizzare l’esperienza utente in base alle preferenze emotive degli utenti, rendendo così la nostra creazione ancora più coinvolgente e significativa per loro. 

Implicazioni per i designer

Le implicazioni per noi designer sono profonde: dobbiamo approfondire la nostra comprensione delle emozioni umane e testare le strategie di design emotivo per valutare la loro efficacia nel suscitare le reazioni desiderate negli utenti.

Minimalism: less is more

Il minimalismo è un approccio che mette l’accento sulla semplicità e sull’essenzialità. Richiede un’attenta considerazione di ogni singolo elemento che compone il layout e una valutazione critica della sua necessità e del suo impatto sull’esperienza complessiva dell’utente 

Applicazioni pratiche

Ma come possiamo applicare il minimalismo alle nostre creazioni digitali? Dobbiamo iniziare eliminando tutto ciò che è superfluo e concentrarci solo sull’essenziale. Questo significa progettare interfacce pulite e minimaliste, che favoriscono  l’inserimento di spazi vuoti al fine di migliorare la leggibilità e la chiarezza dell’interfaccia. Ma c’è di più: dobbiamo anche assicurarci di bilanciare il minimalismo con la funzionalità, garantendo che l’esperienza utente sia sempre soddisfacente e completa.

Implicazioni per i designer

Le implicazioni per noi designer sono cruciali: dobbiamo prestare particolare attenzione all’equilibrio tra minimalismo e funzionalità, e condurre test approfonditi per valutare l’usabilità delle nostre creazioni minimaliste.

Cosa ci riserva il futuro della UX Design?

I trend della UX Design del 2024 ci portano verso esperienze più intuitive, personalizzate ed emozionali. Mentre l’evoluzione della tecnologia continuerà a ottimizzare il modo in cui interagiamo, è fondamentale per i designer rimanere flessibili e sapersi mettere in gioco, pronti ad abbracciare nuove sfide e opportunità. Investire nella comprensione approfondita degli utenti e nell’adottare approcci innovativi sarà fondamentale per guidare il futuro della UX Design e offrire esperienze uniche e significative agli utenti.

Richiedi una consulenza dedicata per scoprire come possiamo supportarti in questo viaggio.